Flash Art Italian Edition

Archivado desde #346 Ottobre - Novembre 2019 Archivo Moderno No fijado

14 números

Dal 1967, Flash Art è sinonimo di una prospettiva all'avanguardia sull'arte contemporanea e sul panorama artistico globale. Attualmente attiva con l'edizione internazionale e italiana, la rivista continua – dopo più di cinquant'anni – l’analisi e la documentazione di pratiche artistiche e avvenimenti spaziando da ambiti conosciuti ad altri più sperimentali, pubblicando saggi dei più autorevoli critici e osservatori insieme a statements di artisti e progetti speciali concepiti esclusivamente per la rivista.

L’abbonamento annuale, solo cartaceo è disponibile  qui, al prezzo di € 39 all'anno. Gli abbonamenti solo digitali (annuale e trimestrale) disponibili all’acquisto di seguito, consentono di accedere alle pubblicazioni attuali e future insieme alle edizioni d’archivio, in fase di sviluppo. Acquista ora il tuo abbonamento digitale!

Último número

“Tutta l’arte ha la sua parte di finzione ma non tutta la finzione è arte”. Con queste parole Romy Golan apre il Critic Dispatch di questo numero invernale, intitolato "FICTION E AUTOFICTION". Ripercorrendo e analizzando tre importanti mostre avvenute in Italia tra il 1967 e il 1970 – “Lo spazio dell’immagine”, “Arte povera più azioni povere”, e “Amore mio” –, Golan rintraccia, nella produzione artistica italiana degli anni Sessanta, un’idea piuttosto salda della finzione. Anche nella più recente produzione artistica si assiste a una progressiva scomparsa del dato reale. Questo non scompare mai, ma si trasforma in qualcosa di altro celandosi all’interno di processi di autofiction. Secondo Luca Panaro, questo avviene soprattutto in certe pratiche fotografiche, come dimostra il lavoro di quattro fotografi italiani contemporanei: Cristian Chironi, Daniela Comani, Alessandra Spranzi, Paolo Ventura, i cui lavori “sono la rappresentazione di un racconto ampio dove l’autore si presente come un personaggio altro da sé, pur attingendo a elementi in qualche modo autobiografici”. La fotografia viene utilizzata per attuare processi di autorappresentazione e autofiction anche da Irene Fenara, Karim El Maktafi e Silvia Rosi. La produzione dei tre fotografi è analizzata da Elisa Medde muovendo dalle parole di Anneleen Masschelein, secondo cui “Il soggetto autoriale che si manifesta in narrative autobiografiche o memoria, si ricostruisce nuovamente ma in una forma apertamente frammentaria o fittizia.” L’avatar è un altro espediente che l’artista può utilizzare per vestire i panni qualcun altro, o per diventare altro. È questo il caso di Theo Triantafyllidis e Eleonora Luccarini che, come scrive Tommaso Gatti, ricorrono agli avatar e al role-playing “per esplorare quella zona grigia in cui il sé sfuma”. Un processo di ricostruzione e rielaborazione delle immagini è anche quello sviluppato in pittura da Valerio Nicolai, la cover story di questo numero. Secondo Alessandro Rabottini, il lavoro di Nicolai “non regredisce mai davanti alla banalità delle fonti, ma pare al contrario volerne proseguire le estreme conseguenze, andando a esplorarne le potenzialità formali e poetiche”. L’artista si appropria di qualsiasi immagini facilmente reperibile, inserendola all’interno di una prospettiva di ricerca pittorica cercandone il “punto di rottura”. Il tema della visione è molto forte in Nicolai, che attraverso i suoi lavori cerca di creare marchingegni che riflettano sulla relazione tra pittura e scena e sulle politiche dello sguardo. Sulle potenzialità e limiti dell’immagine si interroga anche Luca Bertolo, la cui produzione è permeata, secondo Davide Ferri, da un carattere discorsivo e meta-pittorico. Tale interrogazione viene condotta da Bertolo attraverso l’utilizzo di macchie che fanno si che le cose accadano, suggerendo o negando forme riconducibili alla realtà. L’episodio della rubrica One To Watch è dedicato a Costanza Candeloro, nel cui lavoro è ancora una volta rintracciabile un processo di elaborazione e appropriazione di qualcosa d’altro. Per Vincenzo Di Rosa l’artista “attinge liberamente allo spazio dell’immaginazione, rimettendo in gioco motivi letterari e cinematografici nelle sue opere, ma sono riscritti e formulati”. Nelle opere di Candeloro gli scenari finzionali si incrociano fino a confondersi con i riferimenti personali. Recensioni Simon Dybbroe Møller What Do People Do All Day / Boulevard of Crime Francesca Minini, Milano / Trisha Baga TIME MACHINE Gió Marconi, Milano / Dora Budor Incontinent GAMeC, Bergamo / Vasilis Papageorgiou Why does heat make things blurry UNA Galleria, Piacenza / Arthur Jafa RHAMESJAFACOSEYDRAYTON OGR, Torino / Emma Talbot The Age/L’età Collezione Maramotti, Reggio Emilia / Massimo Bartolini Hagoromo Centro per l’arte contemporanea Luigi Pecci, Prato / Jonas Mekas Images Are Real Mattatoio, Roma / Marzia Migliora Fame d’aria Galleria Lia Rumma, Napoli

Sujetos: Art And Design, Art, International, Lifestyle

Trimestral (recurrente) €6.99

Anual €21.99

Incuye el acceso por el sitio, iOS y Android por las aplicaciones de Exact Editions.
Si no estás satisfecho en los primeros 30 días, tienes derecho a un reembolso.
Nota que estás comprando una suscripción en línea - no enviamos copias impresas por correo.

Dal 1967, Flash Art è sinonimo di una prospettiva all'avanguardia sull'arte contemporanea e sul panorama artistico globale. Attualmente attiva con l'edizione internazionale e italiana, la rivista continua – dopo più di cinquant'anni – l’analisi e la documentazione di pratiche artistiche e avvenimenti spaziando da ambiti conosciuti ad altri più sperimentali, pubblicando saggi dei più autorevoli critici e osservatori insieme a statements di artisti e progetti speciali concepiti esclusivamente per la rivista.

L’abbonamento annuale, solo cartaceo è disponibile  qui, al prezzo di € 39 all'anno. Gli abbonamenti solo digitali (annuale e trimestrale) disponibili all’acquisto di seguito, consentono di accedere alle pubblicazioni attuali e future insieme alle edizioni d’archivio, in fase di sviluppo. Acquista ora il tuo abbonamento digitale!

  • Primer Número: #346 Ottobre - Novembre 2019
  • Último número: #359 Inverno 2022-23
  • Cantidad de números: 14
  • Publicado: No fijado